IMG-20240320-WA0038-1-1200x800.jpg

22 Marzo 2024

Quattro generazioni per festeggiare i 100 anni di Maria Franciosi ospite della “Fondazione Mazzali”.

Accanto alla signora i famigliari, la presidente Mara Gazzoni e la direttrice Ilenia Ambrosini, il direttore sanitario Ettore Muti, oltre al sindaco di Mantova Mattia Palazzi e all’assessore al Welfare Andrea Caprini.

La signora Maria è nata a Bergantino (RO) e si è spostata con la famiglia d’origine nel mantovano, a Stradella di Bigarello, dove ha conosciuto il marito Luigi Steccanella. Con lui si è trasferita a Corte Pavaglione di Roverbella e ha lavorato all’azienda agricola al suo fianco finché non hanno deciso di venderla e di trasferirsi a vivere a Mantova. Dal matrimonio sono nate due figlie, Annalisa e Chiara, da cui sono nati quattro nipoti e sei pronipoti. L’ultimo, Tommaso, ha 18 mesi.

Nel teatro del “Mazzali” è stata organizzata una festa, dalla famiglia e dagli operatori, cui hanno preso parte anche gli ospiti della struttura per festeggiare la signora Maria gradendo una fetta della sua torta di compleanno.

 

IMG20240228154212-1200x904.jpg

6 Marzo 2024

L’acquisto è stato possibile grazie al contributo di Fondazione Comunità Mantovana e a quello di Gruppo Saviola per un ammontare complessivo di 42 mila euro

Grazie al contributo di Fondazione Comunità Mantovana e a Gruppo Saviola è stato possibile l’acquisto di 22 letti di ultima generazione, per un ammontare complessivo di 42 mila euro, che sono stati collocati al primo e al secondo piano dell’ala est della Fondazione in sostituzione di quelli più vecchi e meno performanti.

L’assistenza a persone allettate o a persone con particolari condizioni cliniche è più confortevole ed efficace per il paziente se il letto è dotato di caratteristiche avanzate e consente agli operatori di lavorare meglio e più in sicurezza.

“Nelle RSA il letto di degenza non è solo un arredo per il riposo, ma è soprattutto uno strumento di cura che normativamente va inquadrato tra gli elettromedicali – spiega la presidente Mara Gazzoni -. È nostra intenzione rendere sempre più confortevole l’assistenza sociosanitaria prestata agli utenti dei servizi a degenza piena. Le nostre risorse, purtroppo al momento, non consentono investimenti straordinari se non grazie alla generosità di donatori”.

I nuovi letti consentono movimenti elettrici indipendenti, abbassamento fino a terra (anche fino a 23 cm) del piano del materasso, posizione trendelenburg e antitrendelenburg, sponde di protezione anticaduta sdoppiate (realizzate anche in materiale non rigido o dotato di protezione per i colpi) che permettono la massima protezione per l’ospite senza ricadere nella contenzione.

Ed è su questi aspetti che si è concentrata l’attenzione dei medici e dei tecnici della Fondazione con un obiettivo, trasformare il letto su cui l’ospite trascorre molte ore al giorno (e talvolta tutto il suo tempo) in uno strumento terapeutico dotato di tutte le funzioni che permettono di agevolare i movimenti. Quindi è fondamentale garantire il miglior riposo possibile, ma anche porre le basi per un efficace e sicuro lavoro di cura.

La terza età e la condizione di non autosufficienza vanno viste come uno stato dell’esistenza nel quale sono naturalmente maggiori le esigenze di comfort, sicurezza ed assistenza.

Al centro di questo progetto il letto è inteso come dispositivo elettromedicale e strumento polifunzionale attorno al quale ruota un insieme di benefici , ergonomici, terapeutici, funzionali e addirittura psicologici rivolti sia all’ospite che agli operatori. Superando drasticamente la dimensione statica e passiva, il letto è la base dinamica e intelligente che guida l’interazione dell’ospite con l’ambiente: con il relax, con le attività, con il benessere, con le cure e,- non ultimo, con lo stimolo del mantenimento delle capacità residue.

Paola Cortese
Ufficio Stampa Fondazione “A. Mazzali”
Tel. 347 0142642
e-mail ufficio.stampa@fondazionemazzali.it

Ciclo-Conferenze-2024-1-pdf-1200x848.jpg

22 Febbraio 2024

II Ciclo di incontri tra libri, conferenze e letture Riprende venerdì 23 febbraio alle 18 nella sala degli Affreschi della Fondazione “mons. Arrigo Mazzali” in via Trento 10 a Mantova il secondo ciclo di appuntamenti primaverili aperti al pubblico dal titolo “Scienza & Salute”.

foto2-1200x900.jpg

14 Dicembre 2023

Una mattina importante per la Fondazione Mazzali che ha avuto la visita del vescovo, monsignor Marco Busca, e del sindaco Mattia Palazzi, accompagnato dal vice sindaco Giovanni Buvoli e dall’assessore al Welfare Andrea Caprini.

La prima parte dell’appuntamento è stata dedicata alla spiritualità con la benedizione e l’unzione degli ospiti e del personale che lo ha chiesto da parte del Vescovo che ha poi visitato il reparto dell’Alzheimer.

“Prendersi cura è un atto di civiltà – ha detto monsignor Busca -. E’ bene portare consolazione e conforto a chi soffre, nel corpo e nello spirito, e a chi si occupa delle persone più fragili come gli anziani”.

Anche il sindaco ha portato parole di fiducia e speranza. “Abbiamo tutti un forte senso di responsabilità nei confronti dei nostri anziani – ha detto -. Ed ora è anche il tempo dell’urgenza per far fronte ai bisogni oggettivi . Occorre fare rete, tutti insieme, questo è il punto di forza della nostra città che investe nel welfare per non lasciare indietro nessun cittadino e cittadina, per garantire i loro diritti”.

Gratitudine da parte della Presidente Mara Gazzoni che ha accolto tutti gli ospiti e salutato il personale della Fondazione.

“Anche questo non è stato un anno facile, diverso senza dubbio da quelli passati, pesantemente condizionati dalla pandemia, comunque ancora difficile e non privo di criticità. Quello delle feste di natale è un periodo di riflessione, sui valori, sulla famiglia, sia per chi è credente sia per chi non lo è o appartiene ad altre tradizioni religiose diverse da quella cattolica – ha detto -. Il benessere dei nostri ospiti è il motore che muove ognuno di noi, quotidianamente, all’interno della Fondazione. Adesso credo che sia il tempo della fiducia, dell’unità, e della riconoscenza”.

Hanno partecipato anche la direttrice della Fondazione Ilenia Ambrosini e il direttore sanitario Ettore Muti.

 

Volantino_nologhi_page-0001-1.jpg

27 Novembre 2023

CIOCCOLATO, VITAMINA E, ESERCIZIO FISICO E DIETA BILANCIATA per ridurre il rischio di perdita di peso e massa muscolare in persone, con più di 60 anni, con una diagnosi di declino cognitivo o demenza.

Nell’età adulta, l’avanzare dell’età può essere accompagnato da uno stato nutrizionale non sufficiente in termini quantitativi e/o qualitativi che si può tradurre in perdita di peso e un’alterazione negativa della composizione corporea (perdita di massa muscolare), limitando l’autonomia quotidiana, aumentando il rischio di cadute e l’aggravamento dello stato di salute. Il Progetto Choko-Age, con alle spalle un consorzio di Università e Centri di Ricerca Italiani ed Europei di eccellenza (Università di Verona, Perugia, Liverpool, Valencia e Molde) ha come obiettivo principale quello di verificare come un programma di esercizio fisico combinato agli effetti dei polifenoli e antiossidanti contenuti in un cioccolato fondente arricchito di vitamina E (prodotto eccezionalmente per Choko-Age, dal partner Nestlè Italia – Perugina) possa attenuare la perdita di massa muscolare e forza in queste persone.

I partecipanti, persone con più di 60 anni, con diagnosi di declino cognitivo o demenza saranno seguiti GRATUITAMENTE per un periodo di circa 3 mesi da professionisti che valuteranno molti parametri legati al loro STATO DI SALUTE PSICO-FISICO (neuropsicologi e chinesiologi), gli accompagneranno in un PERCORSO NUTRIZIONALE (nutrizionisti) e li seguiranno in ogni seduta di ESERCIZIO FISICO (chinesiologi).

Info: chokoage.eu

locandina-master_page-0001-2-1200x1063.jpg

27 Novembre 2023

Il master di2° livello 2023/2024 “Esercizio Terapia. Progettazione e conduzione dell’esercizio fisico nelle patologie esercizio-sensibili” organizzato a cura di Università di Verona – Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento che vedrà tra i docenti il dottor Ettore Muti, direttore sanitario di Fondazione “Mazzali” e come presidente il professor Massimo Venturelli, componente del Consiglio di Amministrazione della struttura.

PROGRAMMA
Il piano didattico comprende moduli tematici per programmi di intervento mirati di attività fisica per persone con patologie cardiocircolatorie, polmonari, neurodegenerative, metaboliche.

OBIETTIVI
Fornire competenze specializzate, attraverso un approccio multidisciplinare, per la progettazione e conduzione di programmi di esercizio adattati per le patologie esercizio-sensibili. Questo Master entra nel mondo delle Palestre della Salute.

COSTI
Quota iscrizione al Master: € 2.700 + € 16di marca da bollo € 1.716 all’atto dell’immatricolazione; € 1.000 seconda rata entro il 31.03.2023.

ISCRIZIONI
Iscrizioni dal 6 novembre al 1 4 dicembre 2023 Il master si svolge da gennaio a dicembre 2 0 2 4; un fine settimana a l mese: dal venerdì pomeriggio alla domenica mattina.

Per tutte le informazioni esercizio.terapia@ateneo.univr.it

PICT0002_1-1.jpg

25 Ottobre 2023

Un incontro per illustrare il servizio di esami diagnostici a domicilio

“Casa spazio vitale: curare a domicilio” è il titolo dell’incontro organizzato da Fondazione “Mazzali” venerdì 27 ottobre alle 19.30 per presentare ai medici di base il servizio “DomusMed” che offre la possibilità di effettuare esami diagnostici a domicilio nel Comune di Mantova.

All’appuntamento, nella sala Affreschi di via Trento 10, interverranno tutti i partner del progetto, Ettore Muti, Direttore Sanitario di Fondazione “Mazzali”, Marco Arvati, Direttore Sanitario ASPEF, il presidente dell’associazione “Cuore Amico” e un referente di “Home Ray srl”, società che effettua gli esami. L’incontro si concluderà con un question-time.

“I servizi attualmente proposti dal Servizio Sanitario Regionale prevedono l’intervento al domicilio del paziente esclusivamente per offrire cure, assistenza, e prestazioni previste dall’Assistenza Domiciliare integrata e dal Servizio di Assistenza Domiciliare – spiega Ettore Muti -. Si tratta di servizi preziosi, che però non si occupano della “diagnostica” per persone fragili e non facilmente trasportabili. La diagnosi deve essere fatta prima della determinazione della terapia, in luoghi lontani dal domicilio del paziente, come ospedali, centri diagnostici, case di comunità. Grazie alle nuove tecnologie, è possibile effettuare alcune indagini diagnostiche direttamente al domicilio, con evidenti vantaggi per il paziente riguardo a comodità, tempi di attesa e di refertazione”.

DomusMed consente di realizzare a domicilio radiografie, elettrocardiogramma, ecocardiogramma,  holter cardiaco 24 ore, tsa e elettromiografia, potenziali evocati.
L’incontro è organizzato in collaborazione con l’Ordine dei Medici di Mantova ed è destinato ai medici di famiglia del territorio, è accreditato al programma ECM di Regione Lombardia. La partecipazione è libera.

Per informazioni è possibili inviare una e-mail all’indirizzo o consultare il sito www.fondazionemazzali.it.

Paola Cortese
Ufficio Stampa Fondazione “A.Mazzali”
Tel. 347 0142642
e-mail ufficio.stampa@fondazionemazzali.it

20231009_153330-1200x900.jpg

18 Ottobre 2023

E’ stata accolta una delegazione dell’associazione Amicizia Italia Cuba, Circolo di Desenzano e Mantova, con cui la Fondazione “Mazzali” intende avviare un piccolo progetto di solidarietà.
“La nuova esperienza è a sostegno di alcuni centri diurni per anziani di L’Avana – ha spiegato Veronica Barini, responsabile della farmacia della Fondazione -. Abbiamo già in corso forme di solidarietà con ospedali di paesi africani e ora introduciamo questa soprattutto grazie alla presenza del medico ricercatore del Centro di ingegneria genetica e biotecnologie di L’Avana Giselle Penton Rol che sta conducendo una ricerca su farmaci per la prevenzione di malattie neuro degenerative, sclerosi multipla, Alzheimr e ictus”.

All’incontro hanno partecipato anche Massimo Fedrigo dell’Associazione Italia – Cuba, il responsabile scientifico della Fondazione Renato Bottura e la direttrice Ilenia Ambrosini.

“La nostra priorità, ovviamente, è la cura, e il benessere, dei nostri ospiti – dice la Presidente Mara Gazzoni – ma siamo bene felici di poter collaborare a sostegno di realtà in difficoltà o emergenziali di altri Paesi per evitare sprechi. Queste esperienze poi diventano anche occasione di incontri per i nostri ospiti cui vengono raccontati in momenti di aggregazione e solidarietà condivisa”.

392739860_1060542978620665_4999493771210328715_n-1200x675.jpg

16 Ottobre 2023

Domenica 15 ottobre si è tenuta la “Festa di compleanno” della RSA “Emanuele e Giuseppina Cordioli” di Marmirolo. La mattinata si è aperta con la celebrazione della messa.
Sono seguiti il saluto delle autorità, tra cui la presidente della Fondazione “Mazzali” Mara Gazzoni e il sindaco di Marmirolo Paolo Galeotti, e l’esibizione della banda musicale di Marmirolo. E’ stato poi offerto un aperitivo ai partecipanti e successivamente è stato servito il pranzo in reparto con la partecipazione dei parenti degli ospiti.